Tra sogno e realtà

Scroll down to content

tra sogno e realtà

Piccole scosse, quelle che mi hanno fatto realizzare che ero davvero sull’elicottero di soccorso dell’Everest. Si perché quando in seguito ad una brutta intossicazione alimentare con febbre a 42°, battiti sopra i 150 ed una terribile notte insonne è difficile distinguere la realtà dal sogno. Ma il rumore del rotore, i sobbalzi del piccolo veicolo e soprattutto quella vista. Basta sporgersi verso il finestrino per restare senza fiato, sorvolare le montagne Himalayane è un’esperienza unica. Le forme delle montagne sono imponenti, alcune così alte da sfiorare l’elicottero. Potevano soccorrermi solo al mattino, con le prime luci del sole che sfiorano le vette ed illuminano i piccoli villaggi circondati da un mare di nuvole che sinuose ondeggiano tra le montagne. La scena è così bella da perdermi completamente a tal punto che solo un forte scossone mi fa capire che non sto sognando, così nonostante il malore prendo la fotocamera e scatto la stupenda realtà.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: